Chiesa di Gesù e dei Santi degli Ultimi Giorni o Mormoni

È chiamata “Chiesa dei Santi degli ultimi giorni”. Fu fondata nel 1830 da Joseph Smith (1806–1844). Questi è figlio di un padre che faceva l’indovino e di una madre che aveva visioni (cf. Avvenire 23–VII–1986). Fu imprigionato e nel 1844 morì linciato dalla folla.

I Mormoni nel mondo sono 3.500.000; in Italia, 60.000. Tutti devono impegnarsi per dueanni nel far propaganda della loro religione.

Questa Setta si basa su delle visioni del visionario Smith.

Egli, a 14 anni, assiste a Palmyra alla lotta tra le religioni protestanti dei Metodisti, Presbiteriani e Battisti. Desidera sapere quale, tra le religioni cristiane, sia la vera. Si inoltra nel bosco e si immerge nella preghiera. Ha una visione: gli appare il Padre Celeste e Gesù ai quali chiede quale sia la vera Chiesa. Questa la risposta: “Nessuna delle Chiese esistenti è la vera Chiesa”. Decide di fondare lui stesso la Chiesa vera (Sono almeno 11 le versioni diverse e contraddittorie che Smith dà di quelle visioni: in una narra di aver visto il Padre e il figlio Gesù; in un’altra di aver visto solo Gesù; in un’altra che gli sia apparso soltanto un essere angelico, ecc. Non merita fede).

Ecco un’altra visione inventata. Appare a Smith il profeta risuscitato Moroni, figlio del profeta Mormon, il quale gli rivela che in una caverna del monte Cumorah, vicino alla sua casa, sono nascoste le “tavole d’oro che contengono la pienezza del Vangelo”.

N.B. Smith non ci dà nessuna prova di aver scoperto le “tavole d’oro” (che nessuno ha mai visto) e non ottiene da parte di Dio nessun miracolo per assicurarci che è vero quanto afferma.

I Mormoni, nella loro dottrina, rifiutano la Bibbia che stimano quasi completamente corrotta. E la sostituiscono con i loro pretesi libri ispirati: “Il libro di Mormon”. “Dottrina e Alleanze”. “Perla di gran prezzo”. Affermano: “Le rivelazioni di Dio continuano”.

Dio, secondo il “Libro di Mormon”, è spirituale, mentre, secondo il libro “Dottrina e alleanze”, è composto di carne e ossa. Contraddizione stridente.

La Trinità è ammessa a parole ed è negata nella realtà, poiché si afferma che è composta di tre dei: Padre, Figlio e Spirito Santo. I Mormoni si dichiarano monoteisti (adoratori di un solo dio), invece sono politeisti (adoratori di più dei). Dicono che anche S. Michele è un dio e che pure Adamo è un dio.

Credono in Gesù che chiamano Geova. Affermano che è Dio; ma poi soggiungono che è stato generato, perciò è una creatura: quindi non è Dio. Scrivono: “le singole intelligenze o spiriti (di ogni uomo che nasce sulla terra), in Cielo sono letteralmente figli di un Padre e di una Madre celeste; il primogenito dei nostri celesti genitori è stato Gesù Cristo”.

L’unica vera Chiesa di Gesù (affermano) è quella “dei Santi dell’ultimo giorno” (ossia la loro Chiesa). Tutte le altre Chiese appartengono a Satana.

Negano il peccato originale. Ammettono i peccati personali che vengono redenti mediante la morte e risurrezione di Gesù e la “vita perfetta”. I più gravi peccati devono essere confessati alle autorità della Chiesa.

Conservano il Battesimo, ma solo quello per immersione e quello amministrato dagli otto anni in poi.

Raccomandano una vita morale e austera: serietà, spirito missionario; astensione da bevande alcooliche, dal caffè, dal thè, dal fumo, dagli spettacoli profani; il digiuno per 24 ore in una domenica di ogni mese.

Partecipano al culto domenicale e celebrano l’eucaristia usando pane e acqua (non il vino come fece Gesù).

Dicono che tutti sono sacerdoti, anche le donne e i bambini.

Riguardo al matrimonio, ammettono la poligamia sull’esempio del fondatore Smith che ebbe 25 mogli e ripeteva che queste unioni terrene sarebbero continuate nel cielo.

Conclusione.

I Mormoni vanno ripetendo fino all’ossessione: “Io so che il libro di Mormon è verità!”, “Io so che la Chiesa (dei Mormoni) è vera!”. Come si spiega tale stranezza? Siccome questa Setta è completamente mancante di prove della sua verità e dei miracoli che la confermino (mentre la Chiesa cattolica ne è ricolma) cerca di costruire un’artificiale certezza con queste continue assillanti ripetizioni.


I Mormoni sono cristiani? Il credo mormone, un cristianesimo elaborato

TRATTO dal settimanale CORRIERE di SALUZZO del 27 settembre 2002 – pagina Società e Cultura

Articolo a cura di Laura ROSSI.

La chiesa mormone o Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni si autodefinisce chiesa cristiana e il riferimento a Gesù Cristo è esplicito nella sua denominazione. Se però si esamina il credo che propongono nel Libro di Mormon si nota la distanza enorme che c’è con la fede cristiana originaria. Il loro è anche un credo fluttuante. Si affermano certe “verità” per un po’ di tempo per poi sostituirle con altre, a volte in contraddizione tra loro. Questo carattere fluttuante deriva – come per i Testimoni di Geova e altri movimenti religiosi – dalla soggettività delle rivelazioni concesse ai leaders, in questo caso a Joseph Smith e ai suoi successori. Con tale sistema le chiese possono cambiare il loro credo conformandolo sempre alle nuove rivelazioni. “Noi crediamo – scrive J. Smith nel nono articolo di fede – che Dio rivelerà ancora molte cose grandi e importanti che riguardano il regno di Dio”. La poligamia, per esempio, fu considerata da Smith un “abominio agli occhi del Signore”, ma poi fu accolta come restaurazione di costumi patriarcali (Dottrina delle Alleanze, 132, 37-39, 61-65). Ora è stata abbandonata.
Credono della Trinità, ma Dio è un essere carnale, addirittura fu visto così da Joseph Smith in una rivelazione del 1843. Nella Dottrina delle Alleanze (130,22), egli scrive: “Il Padre ha un corpo di carne e ossa tangibile come quello dell’uomo, e anche il Figlio”. Dio – nella teoria mormone – è stato un uomo di carne come noi, ora è un essere esaltato, ma sempre carnale, insieme con Gesù Cristo. Lo Spirito Santo invece ha un corpo spirituale. Accanto a questa triade divina esisterebbero altre divinità inferiori.
E, circa Gesù Cristo, oltre a quanto riportato sopra sulla Trinità, il Libro di Mormon afferma la nascita verginale di Gesù attraverso l’azione dello Spirito Santo (Alma, 7,10), ma altri capi dei mormoni come B.Young, dichiarano che Gesù è nato da Adamo e Maria. Altri insegnano che Gesù era poligamo e si era sposato alle nozze di Cana! Al momento, la dottrina insegnata su Gesù si avvicina al credo comune cristiano, con aggiunta di particolari inediti dedicati al ministero del Risorto nel continente americano. I classici del mormonismo narrano della prima visita di Gesù ai Nefiti d’America dopo la resurrezione, con l’esatta riproduzione delle scene evangeliche trasferite da Gerusalemme all’America. Esempio: sono Nefiti i dodici designati a predicare sul nuovo continente e già ai Nefiti – con una speciale rivelazione – fu comunicata la nascita di Gesù a Betlemme.
E’ evidente che la fede mormone si pone al di fuori della fede cristiana originaria, addirittura si può dire che è un’altra religione e un cristiano che diventasse mormone, non sarebbe più cristiano