Scienza Cristiana

TRATTO dal settimanale CORRIERE di SALUZZO del 25 ottobre 2002 – pagina Società e Cultura

a cura di Laura ROSSI

Origini.

Christian Science (in italiano Scienza Cristiana), ha le sue origini nel Nordamerica tra il protestantesimo di fine Ottocento. Fu fondata da Mary Baker convinta di aver ottenuto improvvisa guarigione da una frattura dopo una caduta sul ghiaccio il 10 febbraio 1866. Questo episodio la convinse che la salute e la guarigione non sono frutto di scienza medica, ma della fede. Ma c’è di più: si convinse che la malattia non ha realtà, non esiste. Entusiasta di questa sua “scoperta”, diffuse la notizia e un gruppo di discepoli seguì le due idee. Nel 1875 pubblicò Scienza e salute con chiave delle Scritture e nel 1892 fondò la “Prima Chiesa del Cristo Scientista” a Boston dove fu “pastore” fino al 1910, anno della sua morte.

Organizzazione.

Al vertice della Chiesa Scientista si trova un Consiglio di Amministrazione che gestisce alternativamente i vari incarichi. Ogni singola Chiesa che due “lettori” che nei servizi domenicali leggono la Bibbia e Scienza e Salute. Attualmente le Chiese Scientiste sono migliaia nel mondo. In Italia, per quanto si sa, la Chiesa Scientista è presente a Roma, Napoli, Perugia, Trieste, Firenze, Milano, Torino, Aosta.

Dottrina.

Mary Baker insegnò che la materia e le sue conseguenze di peccato, malattia e morte non hanno realtà perché non vengono da Dio che è essenzialmente spirito. Si avverte quindi un idealismo assoluto che fa del mondo materiale un “prodotto erroneo della mente”. Se ci si convince di questo, non possono esistere né malattia, né morte e quindi non ha senso pensare di essere ammalati e di guarire, di essere soggetti alla morte fisica e di morire. In questa Chiesa si porta, a sostegno delle tesi sopraddette, la Resurrezione di Gesù – non creduto però Figlio di Dio – come “dimostrazione ” della non realtà della morte. Quando tutti gli uomini si convinceranno che non esistono né malattia, né peccato, né morte, allora “suonerà l’ultima tromba” e sarà la fine dell’attuale mondo.

Pare ovvio far notare come questa Chiesa, pur fregiandosi del nome di “cristiana”, non ne ha assolutamente le caratteristiche discostandosi dal messaggio del Nuovo Testamento sulla divinità di Gesù Cristo e la salvezza totale da lui portata proprio all’uomo integrale nella sua dimensione sia corporea che spirituale.